LA CHIAMAVANO “GENERAZIONE IN”. DEGLI INCERTI, INCOMPLETI, INSICURI. MA PRIMA O POI CI PASSERA’.

Incerti, incompleti e inquieti. Insicuri, insoddisfatti, incostanti. Abituati a vivere sotto il riflesso della luna. C’è un sole perfetto fuori ma non basta. Il pensiero non regge i ricordi di una spensieratezza così lontana. Continua a leggere LA CHIAMAVANO “GENERAZIONE IN”. DEGLI INCERTI, INCOMPLETI, INSICURI. MA PRIMA O POI CI PASSERA’.

ICANI PRESENTANO IL VIDEO DI “NON FINIRA'”. TUTTI PRONTI AD ACCOGLIERE AURORA.

Oggi sul canale youtube della band il video di Non finirà, terzo singolo del nuovissimo album de I Cani, Aurora, in uscita il 29 Gennaio. Un video di presentazione della band su uno sfondo di colori pieni e decisi: uno scenario adatto ad accogliere una produzione più matura ed accurata. Una piacevole conferma. Ad affiancare la band, un insieme di oggetti del passato, ormai inutilizzati, che si fermano nel tempo. Strumenti di vita che ci passano davanti, certi – fin dalla loro creazione – di avere una natura limitata nella storia, certi di finire un giorno in qualche scantinato o di sopravvivere nei nostri ricordi. Al contrario, la creazione di ricordi e il desiderio di sperimentare sono consuetudine attive prodotte dallo stesso tempo, che  invece si rinnova, che cambia, che scorre e va avanti senza fermarsi. Senza finire. Un pensiero narrativo risoluto dunque  e realistico che Niccolò Contessa continua a ripetere, a sottolineare, ad “incidere” nel nostro ascolto.

QUALI ALIBI. IL NUOVO SINGOLO DI DANIELE SILVESTRI: UN SOLLETICO CHE NON FA RIDERE.

Da oggi, venerdì 15 gennaio, disponibile su tutti i canali digitali Quali Alibi, il nuovo singolo di Daniele Silvestri. L’intero disco sarà pubblicato a fine Febbraio. Quali Alibi è un pezzo matematico, con una struttura armonica ridondante ed un ritmo che cresce lungo un percorso circolare privo di vie di fuga. Una chiacchierata senza interruzioni, volta a solleticare uno status di tranquillità. La scelta non è semplicemente di gusto. Il solletico per definizione è un’apparente manifestazione di controllo della quiete altrui: ed è questa l’intenzione. Silvestri oggi si rivolge ad una terza persona della sua raccolta narrativa, già interpellata in qualche modo nei suoi precedenti ragionamenti a due, mostrandogli uno screen shot del nostro tempo. La struttura narrativa, tipicamente “Silvestriana”, è quella di uno scioglilingua, ricco di assonanze e giochi di parole, che guida il ragionamento, evidenziando – senza girarci troppo intorno – alcune tematiche socialmente critiche. E allo stesso tempo, ci permette di sentirne l’effetto addosso.  Il titolo è di per sé una domanda: la scelta di “Quali” evidenzia un approccio all’informazione confusionale sia a livello di domanda che di offerta, talvolta mascherato da chi è tanto bravo a difendere il paese delle giustificazioni. Il nostro. Il tono, al contrario, non dà spazio alla confusione. C’è coscienza e argomentazione.